Erotismo e Sensualità nelle mostre di Urbino

Erotismo e sensualità nelle mostre pasquali a Urbino

Erotismo e Sensualità nelle mostre di Urbino

prenota visita guidata urbino


Si parla di Erotismo e Sensualità nelle mostre di Urbino aperte al pubblico dal 30 marzo al 28 giugno 2015 

Le tre esposizioni sono:

  • “Artemisia Gentileschi. Cleopatra”;
  • “Rops e Mannelli. Incantazioni e anatomie dello spirito”;
  • “Prospero Fontana. Resurrezione”.

La prima sala del Castellare di Palazzo Ducale ospiterà quindi  “Cleopatra”, un capolavoro giovanile di Artemisia Gentileschi (1593 – 1653).  «Questa Cleopatra -scrive Vittorio Sgarbi nel catalogo che accompagna l’esposizione “è un paradigma di realismo“: la lezione della piena maturità del padre è infatti travolta da un vero e proprio innamoramento per Caravaggio, sia pure senza indulgerne nei soggetti. E anzi con un ribaltamento sessuale. Il corpo ignudo e lascivo è, in Caravaggio, di regola, maschile: dall’Amore vincitore al San Giovanni Battista. Artemisia, naturalmente, traduce quella ispirazione con una sensualità al femminile. E l’impatto è ancora più forte, più evidente, sia rispetto ai moduli delle Veneri o delle Danae tizianesche (per non dire delle ignude bronzinesche), sia rispetto a quelli più vicini, quando non perfettamente contemporanei, di Guido Reni, di Guercino e dello stesso Orazio. Se osservate qui sotto il paragone tra la classicissima Cleopatra di Guercino di Palazzo Rosso di Genova (a destra) noterete l’elegante languore, l’equivalente pittorico del melodramma. Artemisia ribalta tutto. Il suo realismo è assoluto, imminente, senza nessuna concessione lirica o intimistica. Perfino Caravaggio si mostra più prudente, mentre Cagnacci persegue una sensualità intellettuale, sofisticata. Raramente un nudo ha rinunciato nelle forme e nella posa a ogni esterna gradevolezza. Noi, di questa Cleopatra, sentiamo gli odori, il sudore, la puzza.

Cleopatra-Artemisia_Gentileschi         tumblr_mbfa77ntJf1qggdq1

 

Negli altri spazi del Castellare avremo “Rops e Mannelli. Incantazioni e anatomie dello spirito”: le incisioni di Felicién Rops (1833 – 1898) con i suoi raffinati soggetti ricchi di erotismo, che saranno abbinati alle illustrazioni, con medesimo tema, dell’autore contemporaneo Riccardo Mannelli (1955).
«Già solo a considerare le rispettive traiettorie esistenziali appare destino che Rops e Mannelli s’incontrassero in una mostra –si legge nel catalogo–  tante e tali sono le affinità tra le vite dei due che, pur tese a quasi un secolo di distanza, viene da considerarle perpendicolari più ancora che parallele. Le similitudini nell’erotismo e nella spiritualità risuonano sin nelle origini personali: provinciali entrambi, se ne sono andati ciascuno a stabilire il proprio genio nelle capitali del mondo più a tiro, Parigi e Roma, nella vita della grande città preservando gelosamente una genuinità e un gusto per il guaio, la battuta di spirito, tipici dei luoghi piccoli e periferici, dove la vita può ancora attingere a una dimensione minimamente mitologica grazie all’ingenuità che vi residua. Anche gli spiriti sulfurei che contraddistinguono i lavori del belga e dell’italiano hanno trovato la medesima via per raffinarsi e depositare, ovvero la satira».

Schermata 2015-04-06 alle 09.14.48 copy        Riccardo-Mannelli-a-Urbino       Mannelli e Rops a Urbino

 

Nell’Oratorio di San Giuseppe sarà invece collocata una magnifica  “Resurrezione” (cm 168,5 x 129) di Prospero Fontana (1512 – 1597), opera ‘ospite’ a Urbino,  proveniente dalla mostra “Da Cimabue a Morandi” attualmente in corso a Palazzo Fava a Bologna.
Come scrive Vera Fortunati «Le notevoli dimensioni del dipinto giustificano l’ipotesi che la tela sia stata commissionata come una pala d’altare. Una pala d’altare affascinante quanto insolita. Nella notte cupa e silenziosa, bello e solenne come un eroe mitico, il Cristo vittorioso sulla morte, esce dal sepolcro scoperchiato, avvolto in un teatrale drappo rosso (…). E’ un’interpretazione iconografica del racconto evangelico che si allontana dalla versione più tradizionale (…)».

Tratto da: “Il resto del Carlino”.

Per vedere un po’ di Erotismo e Sensualità nelle mostre di Urbino, puoi anche prenotare una visita guidata dedicata.
Scrivi  a visit@inpesarourbino.com

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *